Centro mediatico

09 / Ultime notizie

OBČINA IZOLA
COMUNE DI ISOLA
Sončno nabrežje 8
Riva del sole 8
SI-6310 Slovenija

ID za DDV: SI16510801

T +386 5 66 00 100
E posta.oizola@izola.si

UFFICIO PROTOCOLLO, orario d'ufficio
Lunedì 8:00 - 12:00
Martedi 8:00 - 12:00
Mercoledì 8:00 - 12:00 e 14:00 - 17:00
Giovedi 8:00 - 12:00
Venerdì 8:00 - 12:00

25 Marzo 2021
Anche Isola celebra i 700 anni dalla morte del poeta Dante Alighieri

Il prossimo settembre ricorrono 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, uno dei più grandi poeti del medioevo, autore della Divina Commedia, l’eterno poema religioso-allegorico. In Italia e nelle altre parti del mondo questo importante anniversario verrà celebrato con numerosi eventi, alcuni in programma già oggi, 25 marzo, data riconosciuta dagli studiosi come il giorno di inizio del viaggio nell’aldilà nella Divina Commedia. Anche a Isola verrà celebrata questa ricorrenza con l’apertura dell’installazione spaziale Dante copiosus ad aprile e l’organizzazione della tavola rotonda intitolata Presentazione del patrimonio culturale scritto e visivo di Isola medievale a giugno. 

Le celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri a Isola sono organizzate dal Comune di Isola e dal suo Ente pubblico per la promozione dell’imprenditoria, dalla Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Isola, dall’Associazione PiNA, dal Centro di ricerche scientifiche di Capodistria, dalla Biblioteca civica di Isola, dalla Scuola di musica Capodistria – Unità Isola e dalla Parrocchia di Isola.

L’installazione spaziale Dante copiosus

L’associazione PiNA, nell’ambito del progetto RUK, sta preparando un’installazione spaziale intitolata Dante copiosus, opera del gruppo Stran 22 (composto da: Marko Čeh, Luka Frelih, Karlo Hmeljak, Kaja Kisilak, Neža Mekota, Katja Pahor e Marko Turkuš) nel Palazzo Besenghi degli Ughi. L’installazione mette in risalto due codici, due trascrizioni della Divina Commedia con commentario, prodotti alla fine del Trecento a Isola da Pietro Campenni di Tropea e conservati fino ad oggi. L’accezione negativa che accompagna il concetto di copia – e l’atto del copiare rispetto all’originale – viene meno nel momento in cui si pensa ad uno dei significati che ancor oggi la parola ha in italiano: abbondanza, grande quantità, dovizia. Derivati da questo significato, l’aggettivo italiano copioso e quello latino copiosus (il latino è ancora lingua franca al tempo di Dante) assumono anche il significato di ricco di parole, concetti, idee. La grande abbondanza di copie della Divina Commedia sta a dimostrare la passione dei lettori e dei ricercatori che si sono trovati a lavorare sul testo e grazie ai quali quest’opera si è potuta conservare. L’assenza di un autografo di Dante è allo stesso tempo la fortuna e la dannazione dei filologi che si occupano della Commedia. Nell’installazione Dante copiosus sono citati solo due versi della Divina Commedia, ma è proprio a causa di questa assenza che il visitatore può assumere un ruolo centrale. Oltre alla cronologia della produzione, della divulgazione e dello studio della Commedia (e del ruolo di Isola in tutto ciò), l’installazione offre anche l’esperienza del viaggio ultraterreno di Dante. La speranza è che, tra le informazioni, gli impulsi sensoriali e i numerosi riflessi, il visitatore possa essere coinvolto da questa abbondanza.

https://www.youtube.com/watch?v=8-9AxE25UuI

 

La tavola rotonda sul patrimonio medievale di Isola

La Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Isola e il Centro di ricerche scientifiche di Capodistria preparano per il 28 giugno una tavola rotonda intitolata Presentazione del patrimonio culturale scritto e visivo di Isola medievale. Essendo il copista dei due codici danteschi Pietro Campenni, notaio e cancelliere originario di Tropea che dal 1398 al 1399 fu in servizio presso il podestà di Isola, si intende promuovere pubblicamente e presentare anche a una platea ampia, non di soli specialisti, il nesso che congiunge Dante Alighieri – tra i massimi letterati di sempre a livello mondiale – alla città di Isola. Nel 2010 fu il vicesindaco di Isola Silvano Sau a dare l’iniziativa per la preparazione e la pubblicazione dei facsimili di entrambi i codici danteschi di Isola. Nel 2014 i facsimili furono presentati al pubblico. La pubblicazione in formato digitale e cartaceo del facsimile di entrambi ha così permesso di portare avanti un lavoro di studio e ulteriore sviluppo di queste preziose fonti, che contribuiscono a nobilitare l’identità locale di Isola e la sua integrazione nei valori mediterranei e – più in generale – europei. A tal fine si rende dunque utile e necessario esplorare, studiare e restituire al pubblico la valenza di Isola anche come centro dedito alla rara e importante attività di trascrizione di manoscritti (di cui si occupavano per l’appunto i copisti), profondamente inserita in quelli che un tempo erano i più “sofisticati” circuiti intellettuali e circoli culturali dello scenario mediterraneo ed europeo. La tavola rotonda muoverà dal mestiere di copista di manoscritti classici e di altro tipo ovvero dalla bottega in cui si svolgeva l’attività, presente nell’Isola medievale e poi gradualmente riportata alla luce dagli intellettuali dell’Umanesimo e del periodo di massima fioritura del Rinascimento – prova ne è anche il primo libro glagolitico, inviato in stampa nel 1480 proprio da Isola, dove in precedenza era stato trascritto. Interverranno alla tavola rotonda esperti vari legati al mondo della storia culturale e dei beni culturali.

 

I codici di Isola

I due codici danteschi di Isola sono due trascrizioni (commentate) della Divina Commedia, prodotte alla fine del Trecento a Isola da Pietro Campenni di Tropea, notaio e cancelliere, in servizio presso il podestà di Isola dal 1398 al 1399, e accompagnate dai commenti (marginalia) di Benvenuto Rimbaldi di Imola. Gli originali dei due codici (il primo scritto a Isola tra il 1398 ed il 1399 e completato con rifinitura calligrafica nel 1400 a Portobuffolé ed il secondo trascritto a Isola nel 1395) sono conservati a Venezia rispett. Parigi. La presa in possesso delle rispettive riproduzioni è stata di fondamentale importanza dal punto di vista del patrimonio culturale dell’area locale.

Torna all'elenco delle notizie
Archivio delle notizie
CALENDARIO
< maggio 2021 >
LU MA ME GI VE SA NO
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOVITA' SUL SITO

13 maggio 2021
Tone Partljič: Ljudje iz Maribora

Tone Partljič è probabilmente uno dei nostri scrittori più riconoscibili, che...


Za pravilno oddajo PRIJAVE NAPAKE vas prosimo, da izpolnite spodnja polja
Per la corretta presentazione della DESCRIZIONE DELL'ERRORE si prega di compilare tutti i campi sottostanti

V center za prijavo napak, ki je na voljo 24 ur na dan vse dni v letu lahko tudi pokličete. Telefonska številka 041 310 997.


×
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!